Skip to Main content Skip to Navigation
Book sections

Fine di un ciclo: la destrutturazione del sistema partitico italiano

Résumé : Résumé de l'ouvrage : Il 2011 è stato l’anno che ha visto la classe politica della Seconda Repubblica «declassata» dall’Europa, dai mercati, dai principali attori nazionali e dai cittadini italiani. Partiti e leader politici sono apparsi deboli e senza un progetto, capaci solo di riproporre il collaudato schema pro/anti Berlusconi. A giocare un ruolo chiave in tutti i principali eventi dell’anno sono stati, invece, gli attori non partitici: dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al nuovo presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, dal movimento delle donne alla Confindustria di Emma Marcegaglia, dai sindaci di Milano e Napoli eletti a maggio ai promotori dei referendum di giugno. Un default sancito dall’insediamento di un governo tecnico, guidato da Mario Monti, che ha ottenuto livelli record di consenso e introdotto nuove regole del gioco politico.
Complete list of metadata

https://hal-sciencespo.archives-ouvertes.fr/hal-03397895
Contributor : Spire Sciences Po Institutional Repository Connect in order to contact the contributor
Submitted on : Friday, October 22, 2021 - 10:05:26 PM
Last modification on : Tuesday, March 1, 2022 - 11:28:05 AM

Identifiers

Collections

Citation

Marc Lazar. Fine di un ciclo: la destrutturazione del sistema partitico italiano. Anna Bosco; Duncan McDonnell. Politica in Italia 2012, Società Editrice il Mulino, pp.63 - 82, 2012. ⟨hal-03397895⟩

Share

Metrics

Record views

4