Osservare la questione settentrionale: politica della piccola città

Résumé : Da alcuni anni gli storici modelli produttivi (e sociali) del sistema italiano - principalmente quelli della grande impresa e del distretto - mostrano i segni di una crisi profonda. Molti studi hanno analizzato come nel nuovo contesto i modi consolidati di produzione di beni collettivi (sistemi di credito, infrastrutture, informazioni sui mercati esteri, formazione professionale, marketing terriotiale, marchi ecc.) propri di questi due modelli risultino ampiamente inadeguati. Contemporaneamente, a fronte di un dibattito fortemente incentrato sugli "svantaggi" di un meridione arretrato e problematico, recentemente si è osservato un crescente interesse per il nord, non più inteso solo come un modello idealizzato rispetto al quale allineare le altre regioni italiane, ma come lo spazio di specifiche forme di relazione sociali, economiche e politiche. Varie versioni di ciò che è stato definito come la "questione settentrionale" sono dunque il punto da cui partire per inquadrare i temi su cui il volume riflettere. Il capitolo ricostruisce gli elementi principali dell'ampio dibattito che si è sviluppato intorno ai temi della produzione locale e dei beni collettivi, con specifico riferimento a quanto si può osservare per il contesto del nord Italia. Si è scelto di adottare una lettura che provi a interpretare in modo congiunto ed unitario diverse dimensioni che nel dibattito sono state spesso tenute distanti. Una prima importante dimensione rimanda alla dinamica politica. L'emergere di nuovi soggetti politici fortemente radicati nel tessuto sociale del nord Italia e i processi e le tensioni che essi generano nel sistema politico nazionale è un tema ampiamente dibattuto; osservato nelle sue dinamiche locali e territorializzate consente un'analisi dettagliata dei meccanismi e dei processi che ne definiscono il funzionamento. Un secondo tema cui la nostra ricerca assegna un ruolo centrale è quello della produzione e della sfera economica. Il ruolo degli attori economici del nord diventa essenziale nel consentire una lettura e un'interpretazione dei processi di governo di territori che attraversano fasi di profonda trasformazione. In particolare vengono prese in esame le questioni relative all'azione collettiva degli imprenditori e degli attori collettivi nella lunga transizione post-fordista. Il consolidamento della forma organizzativa a rete, e lo sviluppo di reti lunghe fra piccole e medie imprese di tutto il Nord sono fattori rilevanti a proposito, e - al contempo - pongono nuovi problemi di regolazione e coordinamento istituzionale del Nord inteso come macro-city-region. I problemi di coordinamento degli attori economici vengono trattati nel capitolo anche in stretta relazione con i processi politici di governo del territorio, sul piano urbanistico, in relazione alle grandi scelte legate alla viabilità e ai trasporti, alla predisposizione (o meno) di aree industriali, alla scelte di favorire l'edilizia residenziale e la dinamica della rendita.
Type de document :
Chapitre d'ouvrage
Liste complète des métadonnées

Littérature citée [1 références]  Voir  Masquer  Télécharger

https://hal-sciencespo.archives-ouvertes.fr/hal-01044425
Contributeur : Spire Sciences Po Institutional Repository <>
Soumis le : mercredi 23 juillet 2014 - 15:06:42
Dernière modification le : mercredi 17 juillet 2019 - 14:26:04
Document(s) archivé(s) le : mardi 25 novembre 2014 - 14:45:47

Fichier

vitale-osservare-la-questione-...
Accord explicite pour ce dépôt

Identifiants

Collections

Citation

Simone Tosi, Tommaso Vitale. Osservare la questione settentrionale: politica della piccola città. Piccolo Nord. Scelte pubbliche e interessi privati nell'Alto milanese, Bruno Mondadori, pp.5-32, 2011. ⟨hal-01044425⟩

Partager

Métriques

Consultations de la notice

372

Téléchargements de fichiers

109