Politiche attive del lavoro e sviluppo di mercati sociali - i dilemmi locali della regolazione pubblica - Archive ouverte HAL Access content directly
Book Sections Year : 2001

Politiche attive del lavoro e sviluppo di mercati sociali - i dilemmi locali della regolazione pubblica

(1)
1

Abstract

Questo capitolo vuole iniziare una riflessione sui nessi fra le politiche attive del lavoro e lo sviluppo di condizioni di mercato per i servizi di care1. Senza dubbio, questa non è che una indagine preliminare, che tenta di cogliere da alcune esperienze di ricerca e da recenti policies, indicazioni per sistematizzare le questioni più rilevanti. Nello specifico, tenteremo di capire perché non si parla (o si parla poco) di politiche attive del lavoro quando si riflette sulle misure finalizzate a costruire e consolidare dei mercati sociali. Negli ultimi 10 anni si è sviluppato nella comunità scientifica un dibattito sugli effetti occupazionali del terzo settore; in Italia le prime analisi sono state compiute successivamente alla pubblicazione, nel 1993, del Libro Bianco della Comunità Europea su "Crescita, competitività e occupazione" (Commissione Europea, 1993), che attribuiva ai servizi di care la prestigiosa qualifica di "giacimenti occupazionali", ovverosia di ambiti privilegiati da cui fare emergere nuovi posti di lavoro. Con l'obiettivo di proporre politiche di pieno impiego, si è discusso di interventi finalizzati a promuovere nuove forme di organizzazione nel campo dei servizi di care e costruire, così, ponti tra disoccupazione e bisogni sociali insoddisfatti (Ruffolo, 1995; Lunghini, 1995; vedi anche Borzaga, Gui, Schenkel, 1995; D'Acunto, Musella, 1995): la strutturazione di mercati sociali è stata considerata, in buona misura, precondizione per lo sviluppo di nuova occupazione, e quindi, in sé, una misura di politica attiva. La letteratura non si è invece - 2 - concentrata sull'apporto fornito dalle politiche attive del lavoro allo sviluppo e alle qualità dei mercati sociali. Dopo aver introdotto alcune definizioni preliminari ed il frame teorico che ci ha aiutato a selezionare i concetti rilevanti per analizzare le pratiche di matching fra politiche attive e mercati sociali a livello locale, prenderemo spunto dalla letteratura relativa a diversi casi nazionali (Gran Bretagna, Francia ed Italia) ed alla Unione Europea per tentare di capire quali siano i differenti contributi - e le relative contraddizioni - delle politiche attive nella regolazione dei mercati sociali (...).
Fichier principal
Vignette du fichier
politiche-attive-del-lavoro-e-sviluppo-di-mercati-sociali.pdf (201.42 Ko) Télécharger le fichier
Origin : Files produced by the author(s)
Loading...

Dates and versions

hal-01027595 , version 1 (22-07-2014)

Identifiers

Cite

Tommaso Vitale. Politiche attive del lavoro e sviluppo di mercati sociali - i dilemmi locali della regolazione pubblica. Ranci, C. Il mercato sociale dei servizi alla persona, Carocci, pp.119-143, 2001. ⟨hal-01027595⟩
218 View
902 Download

Share

Gmail Facebook Twitter LinkedIn More